HPP: High Pressure Processing
22228
post-template-default,single,single-post,postid-22228,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.2.1,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-5.2.1,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive
Title Image

HPP: High Pressure Processing

HPP: High Pressure Processing

Parma IS: Fresche idee si avvale della professionalità dell’azienda HPP Italia che ha sede nel parmense e che può vantare una partnership tecnologica esclusiva con la statunitense Avure Technologies, leader mondiale nel settore relativo al trattamento con le alte pressioni.

L’acronimo HPP sta per High Pressure Processing (in italiano: trattamento con le alte pressioni). Il metodo HPP è un processo innovativo che sottopone i prodotti alimentari a pressioni migliaia di volte superiori a quella atmosferica. HPP Italia dispone di uno dei più grandi e sofisticati impianti operativi a livello europeo, con una capacità di 350 litri. Questa tecnologia ha grossi benefici in tema di sicurezza alimentare. Nei confronti delle forme microbiche pericolose per la salute umana le alte pressioni determinano un effetto inattivante e distruttivo. L’applicazione delle alte pressioni agli alimenti determina un’estensione significativa della shelf life che generalmente raddoppia. Una shelf life estesa è sinonimo di maggiore convenienza per il consumatore e di vantaggi distributivi per produttori e distributori, attraverso la possibilità di approcciare nuovi mercati o di migliorare gli aspetti logistici.

 

Il metodo HPP si applica sia ad alimenti solidi che liquidi.

Volendo generalizzare, si può dire che finora sono stati buoni candidati per il trattamento ad alte pressioni i prodotti che:

– Contengono una discreta quantità di acqua libera;

– Hanno un pH sufficientemente basso (tendenzialmente acidi);

– Non sono troppo spugnosi (bassa quantità di gas all’interno).

Tags: